Ostetricia

Displasia Tanatofora OMIM 187600 - OMIM 187601

Displasia Tanatofora   OMIM 187600     OMIM 187601

E’ la forma più frequente di displasia scheletrica letale neonatale con frequenza doppia nei maschi. Se ne distinguono due forme con caratteristiche ecografiche sostanzialmente diverse.

Genetica: è legata a mutazione del gene che codifica per il recettore del fattore di crescita dei fibroblasti FGFR3; si ha anche una maggiore frequenza con l'età paterna avanzata. I geni FGFR comprendono una famiglia di polipeptidi coinvolti nella crescita e nella differenziazione di varie cellule di origine mesenchimale e neuroectodermica.


Displasia Tanatofora tipo I    OMIM 187600

La Displasia Tanatofora tipo 1 è trasmessa con modalità autosomica dominante ed è caratterizzata principalmente da RIZOMELIA SEVERA, FEMORI CORTI (A CORNETTA DI TELEFONO), IPOPLASIA TORACICA SEVERA.

Dal punto di vista ecografico il tratto rizomelico è estremamente ipoplasico, ricurvo e con le metafisi slargate (Femore a Cornetta di Telefono) -  (il riconoscimento del Femore a Cornetta di Telefono rappresenta un segno importantissimo e sufficiente per porre con certezza la diagnosi di Displasia Tanatofora tipo I); vi sono coste corte con ipoplasia toracica e si osserva il classico gradino al passaggio tra torace ipoplasico e addome apparentemente prevalente; vi è in genere macrocrania con bozze frontali prominenti (frontal bossing) e naso a sella. Si associa polidramnios severo.                 

DIAGNOSI DIFFERENZIALE:                                                                                                               

Acondrogenesi: vi è micrognazia e ipomineralizzazione importante.
Ipofosfatasia: vi è ipomineralizzazione e micromelia gravi.
Osteogenesi Imperfetta Tipo II: vi sono fratture ossee.

Prognosi
letale nel 100% dei casi

Rischio di ricorrenza
Essendo dovuta a mutazioni de novo il rischio di ricorrenza è estremamente basso


Displasia Tanatofora tipo II   OMIM 187601

La Displasia Tanatofora tipo II è trasmessa con modalità autosomica dominante ed è caratterizzata da MICROMELIA SEVERA, IPOPLASIA TORACICA SEVERA e CRANIO A TRIFOGLIO.

Dal punto di vista ecografico la presenza contemporanea di MICROMELIA e CRANIO A TRIFOGLIO rappresentano una associazione di notevole rilevanza diagnostica per questa patologia.

Il cranio a trifoglio è evidenziabile in scansione coronale ed è dovuto alla sinostosi delle suture lambdoidea, coronale e sagittale e conseguente prominenza delle regioni temporali. Caratteristicamente in questi casi si ha molta difficoltà a misurare il Diametro Biparietale.
Le ossa lunghe appaiono meno ipoplasiche e ricurve che nel Tipo I.
Il Polidramnios è ad insorgenza tardiva.

DIAGNOSI DIFFERENZIALE: il cranio a trifoglio può essere presente nella Sindrome di Pfeiffer (craniosinostosi, ipertelorismo, sindattilia), nella Sindrome di Crouzon (arti normali, craniosinostosi, ipoplasia mascellare), nella Sindrome di Apert, nella Sindrome di Carpenter, nella Sindrome di Kleeblatshadel.

Prognosi
letale nel 100% dei casi

Rischio di ricorrenza
Essendo dovuta a mutazioni de novo il rischio di ricorrenza è estremamente basso.

Bibliografia

Baker, K. M., Olson, D. S., Harding, C. O., Pauli, R. M. Long-term survival in typical thanatophoric dysplasia type 1. Am. J. Med. Genet. 70: 427-436, 1997.
Camera, G., Dodero, D., De Pascale, S. Prenatal diagnosis of thanatophoric dysplasia at 24 weeks. Am. J. Med. Genet. 18: 39-43, 1984.
Corsello, G., Maresi, E., Rossi, C., Giuffre, L., Cittadini, E. Thanatophoric dysplasia in monozygotic twins discordant for cloverleaf skull: prenatal diagnosis, clinical and pathological findings. Am. J. Med. Genet. 42: 122-126, 1992. 
Elejalde, B. R., Mercedes de Elejalde, M. Thanatophoric dysplasia: fetal manifestations and prenatal diagnosis. Am. J. Med. Genet. 22: 669-683, 1985.  
Hall, C. M. International nosology and classification of constitutional disorders of bone (2001). Am. J. Med. Genet. 113: 65-77, 2002. 
Horton, W. A., Hood, O. J., Machado, M. A., Ahmed, S., Griffey, E. S. Abnormal ossification in thanatophoric dysplasia. Bone 9: 53-61, 1988. 
Horton, W. A., Harris, D. J., Collins, D. L. Discordance for the Kleeblattschaedel anomaly in monozygotic twins with thanatophoric dysplasia. Am. J. Med. Genet. 15: 97-101, 1983. 
Norman, A. M., Rimmer, S., Landy, S., Donnai, D. Thanatophoric dysplasia of the straight-bone type (type 2). Clin. Dysmorph. 1: 115-120, 1992. 
Sawai, H., Komori, S., Ida, A., Henmi, T., Bessho, T., Koyama, K. Prenatal diagnosis of thanatophoric dysplasia by mutational analysis of the fibroblast growth factor receptor 3 gene and a proposed correction of previously published PCR results. Prenatal Diag. 19: 21-24, 1999. 
Schild, R. L., Hunt, G. H., Moore, J., Davies, H., Horwell, D. H. Antenatal sonographic diagnosis of thanatophoric dysplasia: a report of three cases and a review of the literature with special emphasis on the differential diagnosis. Ultrasound Obstet. Gynec. 8: 62-67, 1996
Tavormina, P. L., Shiang, R., Thompson, L. M., Zhu, Y.-Z., Wilkin, D. J., Lachman, R. S., Wilcox, W. R., Rimoin, D. L., Cohn, D. H., Wasmuth, J. J. Thanatophoric dysplasia (types I and II) caused by distinct mutations in fibroblast growth factor receptor 3. Nature Genet. 9: 321-328, 1995.  


Aggiornamenti



Med 2000 - Via Nazionale Appia 197, 81022 Casagiove (CE)
Tel: 0823 493548 - 0823 494944 (4 linee) | Fax: 0823 1833735 | E-mail: info@med2000eco.it | P.Iva 02723040610

Web agency: Bitmatica.it